L’ombra della pedofilia sulla Chiesa polacca

Pedofili e amanti di festini, segni particolari: PRETI.

CRACOVIA – «Era il diavolo che mi consigliava» ha confessato candidamente il prete pedofilo ad Anna Miesiewicz, una delle sue tante vittime, violentata all’età di 8 anni, «lo so che non avrei dovuto- ha aggiunto- ma ho ceduto a una stupida passione».
Poche parole, senza neanche un reale segno di pentimento…  (rete l’abuso)