La Diocesi di Arezzo: "La curia non è responsabile del delitto". Padre Gratien Alabi è stato condannato a 25 anni di carcere

Omicidio Guerrina, la Chiesa dice no al risarcimento chiesto dai famigliari.

Rimini, 27 luglio 2019 – La curia risponde picche ai familiari di Guerrina Piscaglia. Nessun risarcimento: «la Chiesa non ha alcuna responsabilità». La lettera della diocesi di Arezzo, guidata dall’arcivescovo Riccardo Fontana e chiamata in causa per un milione di euro, è arrivata nei giorni scorsi e non lascia spazio a trattative.

Quelle di Padre Gratien Alabi sono state condotte «autonome», quindi codice civile e diritto canonico alla mano, la Chiesa conclude che non aveva alcun ruolo di «direzione e sorveglianza’ sul sacerdote, condannato a 25 anni di carcere per l’omicidio della casalinga di Ca’ Raffaello. Pur esprimendo vicinanza alla famiglia, intimano loro di «astenersi da pretese risarcitorie infondate». (il resto del carlino)