Dall’entrata in vigore delle nuove regole, l’11 marzo, sono state denunciate 96mila persone su 2 milioni controllate.

ROMA – A Rocca Priora i carabinieri, grazie a un cittadino, hanno scoperto quella che sospettano possa essere stata una vera e propria messa segreta.

Tutto è avvenuto domenica sera, quindi il 22 marzo, nella parrocchia di San Giuseppe Artigiano di via Tuscolana.

I fedeli, ventotto, tutti di età comprese fra i 65 e gli 80 anni, sono stati denunciati, come racconta Leggo, per violazione del decreto anti coronavirus.

Ora gli investigatori ed i magistrati stanno valutando se procedere penalmente anche nei confronti di don Carmine Petrilli, parroco della chiesa. “Non ho celebrato una messa ma soltanto una preghiera con alcuni fedeli – si difende ora don Carmine. E’ vero che le regole vanno rispettate da me e da gli altri, però anche la preghiera è un bisogno che aiuta le persone a vivere in maniera più positiva. (blitz)