Una selezione delle poesie di Andrea Cattania, sulla bellezza della scienza, della laicità e di altro ancora, tratte da

Che cos’è la realtà?

Questo mondo in cui vivo,
questo luogo ove scrivo
è virtuale o reale?

Tutto quello che vedo,
tutto quello in cui credo
è etereo o materiale?

Non ho mai visto un quark ma credo che
non sia possibile prenderlo a calci
e pure il fullerene non si presta.

Ma allora dove comincia a cambiare,
diciamo, la natura delle cose?