La stanza del silenzio:
una prospettiva atea per uno strumento interculturale