IL PROGRAMMA

1) ArciAtea rete per la laicità APS nasce dalla convinzione che esista uno spazio politico-sociale non coperto dal razionalismo ateo.

2) Lo fa senza rivendicare esclusività sulle attività e sui temi trattati; anzi, volendo collaborare e intrecciare le proprie iniziative con le associazioni laiche affini o complementari, e con il supporto dell’ARCI, la più grande e prestigiosa associazione culturale e di promozione sociale italiana.

3) Si rivolge ai razionalisti, agli agnostici e agli atei che aderiscono al cantiere aperto del progetto teorico e politico dell’Illuminismo, basato sulla fiducia nell’autodeterminazione dell’umanità e sulla contrarietà alla presenza delle religioni nella sfera pubblica.

 4) Non intende rappresentare i razionalisti atei come una sorta di corporazione, ma promuovere il razionalismo scientifico, l’ateismo e la laicità come strumenti di liberazione, contro ogni settarismo e dogmatismo. 

 5) Ritiene essenziale promuovere la militanza laica e un moderno anticlericalismo, necessari per contrastare il ritorno delle religioni nella sfera pubblica. 

 6) La promozione della laicità richiede la lotta intersezionale per difendere insieme i diritti civili, politici e sociali, che si affermano o arretrano congiuntamente. 

 7) Ne consegue l’esigenza di non delimitare la propria attività su temi “specialistici” ma di inserirsi, sia pure nel limite delle proprie forze, nelle contraddizioni politiche e sociali, particolarmente drammatiche in questa fase, per “allargare la coperta” del razionalismo ateo e della laicità. 

 8) Le relazioni interne di ArciAtea sono fondate sul pluralismo e la partecipazione democratica.